Pagina in corso di aggiornamento

In base all'art.2 del Regolamento, il Comitato approfondisce lo studio della normativa vigente in materia di pari opportunità, anche attraverso l'organizzazione e la partecipazione a seminari, tavole rotonde, convegni, ecc.

Sono state realizzate numerose e diverse attività dal CPO:

  • Moduli specifici in materia di pari opportunità, mobbing, gestione della diversità, nell'ambito di corsi interni di formazione con target preciso (per neoassunti, per categoria/area, per progressioni, ecc.);
  • Seminario di formazione monografico, con interventi di Assessore per le politiche di pari opportunità, rivolto a tutto il personale e suddiviso in due giornate (come sotto indicato);
  • Seminari a tema, aperti al pubblico;
  • Incontri organizzati con altri organi di pari opportunità attivi sul territorio regionale;
  • Sessioni di lavoro su tematiche di genere durante congressi scientifici.

Il PAP del triennio 2013-2016 prevede le seguenti azioni:

  • Revisione della normativa interna per la partecipazione ai corsi di formazione e aggiornamento professionale: Evitare situazioni discriminatorie nell'accesso e nella partecipazione ai corsi di formazione e aggiornamento professionale, anche in attuazione da quanto previsto dall'art. 57, comma c, della L.165/2001 che, riguardo al funzionamento di tali corsi, impone alle Pubbliche Amministrazioni di garantire la partecipazione alle proprie dipendenti in "rapporto alla loro presenza", nonchè di adottare "modalità organizzative atte a favorirne la partecipazione, consentendo la conciliazione tra vita professionale e vita familiare
  • Modifica atuale normativa interna sui corsi di formazione: in vista di dare attuazione all' art.57, comma c, della L.165/2001, nonchè a quanto previsto dai comma 4 e 6 dell'art.22 del Contratto Colletivo Integrativo, l'azione prevede la revisione dell'attuale disciplina interna, con particolare riguardo: alla garanzia di maggiore trasparenza nella selezione del personale da destinare ai corsi di formazione, all'ampliamento delle cause giustificative delle assenze a motivi dovuti alla cura di familiari e all'introduzione della possibilità di recupero delle lezioni, anche attraverso modalità alternative alla didattica frontale.
  • Percorsi formativi per il personale di rientro in servizio: l'obiettivo è rispondere alle eventuali esigenze di formazione del personale che rientri in servizio dopo aver fruito di congedi genitoriali o per assistenza di familiari disabili, o comunque dopo 6 mesi di assenza giustificata in applicazione a quanto previsto dall'art.22, comma 6, del CCI dell'Ateneo
  • Promuovere la formazione del personale TABS e dirigente su tematiche attinenti alle pari opportunità e al contrasto di ogni forma di discriminazione sui luoghi di lavori